martedì 27 novembre 2012

Non trovo la chiave

Sono scomparsa di nuovo,è vero,ma sto male e ho dei picchi in cui tutto è visto da me come qualcosa di negativo. Ho dei momenti in cui anche alzarmi dalla sedia mi sembra un'impresa impossibile,e non è pigrizia,come sostiene la mia superficiale madre,che non capisce un cazzo di sua figlia,ma è sofferenza,una sofferenza di cui il mio corpo è intriso.Purtroppo non ci sarà  più quel buon numero di persone che leggevano il mio blog,dato che me ne andai così,alla sprovvista,anche se non volontariamente, ma ho deciso di continuare a scrivere per me stessa e per sfogo,perchè forse è l'unico sfogo che riesco ad avere in questo momento in cui mi sento inutile per me stessa e per gli altri.Ho rifiutato di immatricolarmi per una facoltà,dato che nonostante fossi entrata non era quello che volevo,e quello che voglio tutt'ora.Ho deciso di prendermi un anno per seguire un corso di preparazione per la facoltà di Medicina,quella cui ambisco. Questo non mi basta però,perchè vivo una vita monotona ad eccezione di quei due giorni alla settimana in cui vado al corso. Non ho svaghi,sfoghi,il mio ragazzo mi ama ma non riesce a dimostrarmelo,non per male,ma perchè secondo me dovrebbe ragionare più come coppia. Io senza soddisfazioni non so vivere bene,e per ora non ne ho nemmeno una.Piango durante la giornata senza un motivo preciso,mi addormento tardi perchè non prendo sonno,e...non so che fare,vorrei che si sbloccasse tutto ciò,ma non trovo la chiave.

4 commenti:

  1. Non sai quanto ti capisco.
    Forse l'anno sabatico per prepararti,ti servirà a capire qualcosa.
    So cosa voglia dire non aver le forze di alzarsi dalla sedia, piangere senza un motivo.
    Capisco ciò che provi.

    Ti stringo forte,Ef.

    RispondiElimina
  2. Piccola mia, hai descritto la mia vita, almeno per la maggior parte delle cose. Lo sai io sono una silenziosa, e faccio fatica a farmi sentire spessissimo con le persone, ma lo sai che non ti abbandono mai.
    Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  3. Tesoro, sono felice che sei tornata a scrivere <3
    io convivo con il tuo stesso stato d'animo ogni maledetto giorno...e aspetto che arrivi dal nulla quel qualcosa capace di farmi tornare il sorriso, o la voglia di vivere, mi illudo che possa succedere grazie a qualcun altro e invece non succede mai...certo magari mi rassereno un po', ma vivo continuamente in quello stato apatico-depresso che mi fa pesare qualsiasi cosa io faccia e credimi se ti dico che da mesi cerco di farlo sparire ma non mi molla più... è quello stato in cui perdi il gusto della vita, non capisci più perchè fai le cose che fai nè perchè devi farle e tutto ti sembra distante mille e miglia.
    Non è colpa tua, ricordati solo questo. E' qualcosa che ci ha inquinato la vita in questo periodo, o forse da prima, forse siamo soltanto sfinite di ripetere ogni giorno le stesse azioni e le stesse cose.
    E' un consiglio scialbo, ma cerca di capire quello che vuoi veramente e cercalo in te stessa... io ancora non ci sono riuscita, ma di certo quello che può farci "guarire" non è fare quello che vogliono gli altri.
    Ti stringo fortissimo <3

    RispondiElimina